FacebookGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

Home button

PEQUEÑO CABILDO AFRO CUBANO In evidenza

Stampa

Ott 04, 2019
Eleggua Eleggua Foto: Luca Ph Lacché

SHOW, INTERVISTE AL CARAIBE-ROMA

 Con uno spettacolo di grande qualità che ha fortemente coinvolto ed emozionato il pubblico di salseri presenti alla disco CARAIBE di Roma, la anche chiamata BAILAMOS DANCE ACADEMY di Tonino Pereno riscuote ancora questa volta un grande successo.

Al margine della stupenda performance del cantante, dei musicisti e di tutti i ballerini, la vera chiave del buon risultato ottenuto sta nella capacita dimostrata dal maestro Pereno e la sua staff di valorizzare e integrare in un unico spettacolo tante anime diverse del mondo dei balli caraibici. Da una parte, gli allievi del corso Afro della scuola, dall'altra parte artisti di un certo spessore arrivati da diverse città italiane e perfino da Santiago de Cuba.

TRIBU BAILAMOS Collage Fotor

                                  Tutte le foto sono di LUCCA PH LACCHE'

La coreografia del PEQUEÑO CABILDO AFRO CUBANO è stata preparata dallo stesso maestro Pereno con la collaborazione di Francesca Sanità di Toppi. I tamburi bata', caratteristici del mondo dell'afro cubano, sono stati suonati da un trio di eccezione: il maestro Humberto La Pelicula, con una vasta traietoria in questo campo, sia in Italia (ove risiede) sia a Cuba; il maestro Tonino Pereno e il percussionista Osmani Garcia, da Santiago di Cuba. Il cantante, un altro grande artista che risiede stabilmente a Santiago di Cuba: Luca Brandoli.

I tanti maestrii invitati dalla scuola hanno personificato i diversi orisha, danzando i balli identitari di ciascuno di essi. L'orisha (divinità) ELEGUA, è stato rappresentato da uno splendido Gianluca Manzione (maestro venuto da Salerno). Alessandro di Gennaro e Maurizio Pellegrino hanno personificato con grande destrezza OGUN. Germano Carbotti, da Bari, ha danzato in modo energico e deciso l'orisha guerriero OCHOSI, mentre Francesca Sanità di Toppi si è immersa nel ruolo della dea del mare.  con una magnifica intepretazione di YEMAYA.

Gli orisha personificati sono solo una parte del pantheon Yoruba di divinità che danno vita a questa religione politeista di origine nigeriano e congolese, la più estesa tra tutte quelle che vengono ancora praticate nell'isola caraibica. Per questo la coreografia viene nominata come un "piccolo" cabildo di orishas. Nell'ottocento, per poter continuare con le loro usanze religiose, gli schiavi africani di Cuba e degli altri Paesi dell'area, hanno escogitato uno stratagema: abbinare ogni loro "orisha" ad un "santo" della evangelizzante religione cattolica dell'epoca, fenomeno che si conosce con il nome di "sincretismo".

TRIBU BAILAMOS2 Collage Fotor

                               Tutte le foto sono di LUCCA PH LACCHE'

Nel riquadro video di sotto potete visualizzare l'intervista agli insegnanti e ballerini Francesca Sanità di Toppi (YEMAYA) e Germano Carbotti (OCHOSI) che parlano dello spettacolo realizzato, del ruolo che svolgono i singoli orisha rappresentati e dell'esperienza vissuta. Invece, per guardare lo show, CLICCATE QUI, oppure potete accedere direttamente alla pagina Videos Salpicon su You Tube.

Buona visione!

jo salpicon

 

Letto 424 volte Ultima modifica il Domenica, 06 Ottobre 2019 23:19
Vota questo articolo
(0 Voti)

Video

Altro in questa categoria: BARBARO FINES Y SU MAYIMBE »
Devi effettuare il login per inviare commenti